The Witcher 3 – Una splendida gif

The Witcher 3 è un gioco straordinario. Un gioco che, per più di quattrocento ore, può trasportarti in ambientazioni magnifiche, con caverne terrificanti, città splendide, castelli diroccati, spiagge infestate da mostri e bestie di ogni tipo. È ricco di storie, personaggi, atmosfere, scelte e dialoghi. È in grado di riempirti di un flusso costante di emozioni e sensazioni, semplicemente grazie all’incalzare continuo e costante di musiche e suoni epici e al contempo dolci, malinconici. Una malinconia che ti attanaglia il cuore persino dopo aver finito il gioco.

Tutte emozioni veicolate da CD Projekt RED anche grazie a una sensibilità profondamente diversa da quella che solitamente è percepibile in giochi dello stesso genere e mercato: Mass Effect, Dragon Age, Fallout 4, presentano un approccio al mondo di gioco e alla scrittura dei personaggi molto più semplice, più positivo e, in definitiva, volto a far credere al giocatore di essere il centro di tutto, dalla galassia dei titoli Bioware al Commonwealth dell’ultima opera Bethesda.

Dai dialoghi alle cinematiche, dall’estetica al sonoro, il lavoro degli sviluppatori polacchi è stato invece quello di tentare di costruire un mondo che sembri distrutto dalla guerra, dall’odio razziale e dalla violenza, in cui il giocatore non può fare altro che osservare e prendere atto degli eventi insieme a Geralt. In questo modo, si è creato un sottotesto sempre presente che segue il giocatore durante tutta l’esperienza. Una “malinconia polacca” che ancora oggi mi accompagna, al solo sentire quelle note, al solo vedere quei tramonti.

13503049_922171591244669_2840040582577714956_o

Ci sono dei momenti, in The Witcher 3, che mi rimarranno per sempre impressi. Soprattutto quelli in cui l’HUD era disattivato.

The Witcher 3 sembra però volersi fermare qui. Personalmente, credo invece che sarebbe potuto essere qualcosa di più. Sempre più spesso infatti, durante le interviste o negli articoli dei siti di settore,  sentiamo e leggiamo di ambizioni straordinarie che gli sviluppatori cercano di soddisfare all’interno delle loro opere: creare mondi vivi e interattivi, dare al giocatore la sensazione di far parte di qualcosa, avere la possibilità di colpirlo per ciò che affronta durante le peripezie del suo viaggio. Attenzione, dunque: non importa solo la risposta dovuta a un buon sistema di combattimento, o al drop rate nell’esplorazione, ma importano anche le emozioni create sia dal contesto ludico che da quello narrativo in cui gli sviluppatori ci permettono di immergerci. The Witcher 3 è stato l’ennesimo titolo che si è presentato così: un gioco in grado di cambiare le carte in tavola, un gioco che avrebbe scosso l’industria, l’opera di uno studio nato dal nulla, cresciuto grazie alla qualità e non al marketing, e finalmente arrivato alla sua maturazione definitiva.

13497856_922171684577993_4422306816676178322_o

La varietà di ambientazioni che The Witcher 3 sa presentarci è veramente mostruosa.

Ed è proprio qui che The Witcher 3, come praticamente ogni grossa produzione Tripla A di oggi, crolla su se stesso, sulle sue ambizioni. Anche il titolo CD Projekt RED non riesce dove non sono riusciti recentemente gli altri grandi colossi dell’industria: non è un racconto coerente, non è un’esperienza omogenea, non è un open world ben scritto. Non fraintendetemi: come detto all’inizio dell’articolo, ho letteralmente divorato The Witcher 3, il Velen è stato casa mia per più di un mese, perdevo ore a cavallo ammirando i tramonti, cercando di scoprire il più possibile di quel fantastico mondo. Ma è proprio per questo che, mentre cavalcavo, per la prima volta mi sono chiesto: “Non dovrei salvare Ciri?”.

13497966_922171604578001_1654356423533589499_o

Geralt è cosciente delle difficoltà e dei problemi che Ciri potrebbe affrontare, anche non considerando la Caccia Selvaggia. Eppure…

The Witcher 3 racconta infatti la storia dello Strigo Geralt de Rivia, impegnato nella difficilissima impresa di recuperare e salvare Ciri, praticamente sua figlia adottiva, dalle grinfie della Caccia Selvaggia, un ordine di cavalieri quasi mitologico, dal potere spaventoso. Tra ritorni inattesi, colpi di scena sorprendenti e combattimenti straordinari, lo sviluppo della trama si regge su delle basi abbastanza solide, fino alla chiusura della trilogia. Il problema è che un videogioco racconta in ogni secondo in cui noi interagiamo e non solo mentre, passivamente, guardiamo una cinematica o leggiamo. La storia di The Witcher 3 non è solo quella che osserviamo con il pad a riposo, o che leggiamo dai testi scoperti esplorando le splendide ambietazioni del Velen: il racconto dello Strigo è composto anche dalle missioni secondarie, dalle nostre cavalcate, dalla nostra voglia di scoprire.

13522784_922171594578002_6309665112730158808_o

Nonostante il gioco cerchi in tutti i modi di sottolineare l’urgenza del ritrovare Ciri, non avvertiremo mai questa pressione.

Risulta dunque paradossale la pretesa di far empatizzare e immedesimare il giocatore in una storia in cui, invece di cercare assiduamente nostra figlia, gireremo per il mondo di gioco in cerca di nuovi contratti, che siano grifoni da abbattere, castelli da esplorare o donzelle da salvare. The Witcher 3 dunque riassume e sintetizza il classico problema che affligge quasi ogni grande open world: manca di coerenza, ritmo e senso tra la sceneggiatura principale e l’esperienza del giocatore. Ma fa persino peggio: se in Red Dead Redemption il giocatore può decidere di seguire la trama principale mettendo totalmente da parte le secondarie, dedicandosi a queste solo dopo la fine del titolo, al contrario in The Witcher 3 siamo obbligati a intervallare alcune missioni secondarie con le principali, a causa del sistema di livellamento.

13497864_922171601244668_6748292664004191139_o

Purtroppo, non potremo fare ciò che Yennefer ci chiede neanche se volessimo. Dobbiamo livellare per poter procedere.

Proprio per invogliare il giocatore a esplorare e completare le missioni e le attività previste all’interno del gioco, CD Red ha fatto in modo tale che il nostro personaggio possa migliorare e potenziarsi solo scoprendo nuovi luoghi o finendo delle quest, invece di ottenere esperienza tramite le uccisioni (come invece accade di solito in un titolo Bethesda). Inoltre, ogni missione avrà un livello consigliato, cosa che sembra suggerirci di dedicarci ad altro prima di procedere con la trama principale. Sì, certo, una delle possibilità che ha il giocatore per poter ovviare a questo problema è scalare il livello di difficoltà. Eppure, anche così ci ritroviamo a dover completare almeno qualche missione secondaria prima di procedere, missione comunque probabilmente fuori contesto e priva di senso rispetto a quello che Geralt dovrebbe fare in quel momento. Inoltre, abbassare il livello di difficoltà da normale in giù, significa eliminare quasi completamente la necessità di consultare il bestiario e di preparare pozioni o unguenti, che sono tra le componenti più importanti del gioco.

The Witcher 3 eccelle nella cura dei dettagli

Ricchezza di dettagli, attenzione ai particolari, narrativa ambientale: The Witcher 3 eccelle in ognuno di questi elementi.

L’essenza prettamente giocosa di The Witcher 3, che mette da parte ritmo, narrativa e coerenza per privilegiare il feedback basato sull’esplorazione e sul completamento della mappa, è evidente in tanti piccoli dettagli, oltre quelli macroscopici esaminati finora, che fungono da cornice al quadro che sto cercando di illustrare, in base alla mia esperienza.

Ad esempio, le zone da scoprire vengono indicate, nella mappa, da un grosso punto interrogativo, trasformando la sorpresa e la scoperta dell’esplorazione in una caccia basata sul correre in un punto, guadagnare esperienza, e cercare la zona successiva nell’indicatore. Una scelta che non ricompensa il cavaliere errante in cerca di avventura, ma l’approccio banale del giocatore che viaggia da punto a punto per sbloccare tutto. Per risolvere il problema bisogna intervenire sull’HUD.

The Witcher 3: la spada d'acciaio forgiata dai giocatori

La storia più bella di The Witcher 3, come quella di ogni open world, sarà quella che forgeremo con l’acciaio della nostra spada, non di certo la trama principale.

Molte delle missioni secondarie non possono essere affrontate in maniera dinamica, ma bisogna per forza procedere nel percorso prestabilito. Se a prima vista questa potrebbe sembrare una scelta comprensibile, in realtà rischia di trasformare una quest in uno dei momenti più critici per l’esperienza del giocatore, che si ritrova di fronte a dei personaggi con cui non si può interagire, nonostante facciano evidentemente parte di una missione o di un particolare evento.

I nemici e gli obiettivi sono spesso caratterizzati da un indicatore di livello che li blocca e li rende quasi impossibili da affrontare al primo incontro, cosa che da un lato rende il mondo di gioco spesso e ricco, ma dall’altro lo ridicolizza rispetto al contesto: risulta tragicomico utilizzare lo stesso potentissimo Geralt di The Witcher 2 ma quasi privo di poteri, abilità e persino conoscenze, come un Witcher alle prime armi. Ed è ancora più comico vederlo danzare mortalmente con maestria intorno a un licantropo, per poi dover fuggire di fronte a due comuni abitanti con il forcone. Come detto prima, una scelta assolutamente sensata da parte degli sviluppatori da un punto di vista prettamente ludico, ma banale in ottica narrativa.

Campo lungo in The Witcher 3

La profondità del campo visivo e la libertà di movimento sono eccezionali, e la ricchezza e la varietà del mondo di gioco sono splendide.

Anche le scelte di dialogo, a volte, sembrano pensate più per soddisfare delle necessità ludiche, che per offrire un’esperienza coerente e credibile. Uno dei momenti più fastidiosi di The Witcher 3 è sicuramente il dialogo con l’Imperatore Emhyr prima dell’assedio di Kaer Morhen: nonostante sua figlia sia in pericolo, e nonostante tutta la vicenda sia nata dalla sua richiesta di rintracciarla, di fronte al semplice rifiuto di Geralt di lasciar guidare le sue truppe da un secondo in comando dell’Imperatore, lui si rifiuta di mandare aiuti. Una scelta pensata per offrire obbligatoriamente al giocatore un’alternativa, che sebbene abbia un suo senso ludico (a un Geralt superbo corrisponde un no, a un Geralt accondiscendente corrisponde un sì), a livello narrativo risulta ridicola e forzata. Ed è solo uno dei numerosi casi presenti lungo l’intera esperienza.

Infine è impossibile non notare come, venuta meno la sorpresa iniziale, ogni luogo, ogni villaggio, dopo poco tempo o magari a un secondo passaggio, diventi qualcosa di già visto, già sentito. Quello di The Witcher 3 non sembra affatto un mondo vivo, ma una splendida gif, che ti stordisce, ti abbaglia a primo impatto, ma che in breve tempo presta il fianco alla staticità del gioco. Nonostante i dialoghi e la costruzione di un ambiente ricco e complesso, e nonostante gli sforzi fatti per creare un mondo credibile e dinamico, anche in The Witcher 3, tu, il giocatore, sei il centro dell’universo, e difficilmente qualcosa accade o si muove senza di te.

The Witcher 3

Forse, se avesse mantenuto sempre toni più leggeri come quelli di questa missione, The Witcher 3 avrebbe infastidito di meno con le sue assurdità e giochismi.

Tutte queste picolezze, questi dettagli, sono elementi che singolarmente potrebbero essere messi certamente da parte, ma che insieme sembrano formare non delle disattenzioni, ma una scelta ben precisa, e quindi le trovo interessanti per tentare di comprendere quella che sembra la filosofia di CD RED, poco incline a una concezione di open world più dinamico, e sicuramente più impegnata a costruire un percorso appagante per il giocatore durante la sua esperienza. Cosa che, purtroppo, non sposa in alcun modo i miei gusti e desideri.

Eppure, io nel Velen continuo a tornare.
Sarà la direzione artistica pazzesca, sarà la speranza di scoprire ancora qualcosa, sarà quel mostro rimasto moribondo in quella caverna, o sarà, semplicemente, la malinconia.

Claudio Cugliandro

Anche se ama parlare solo di titoli indipendenti e di dissonanze, in realtà il suo passatempo preferito è sparare agli alieni insieme agli amici. Fondatore di Deeplay.

Website:

17 Comments

  1. Alexand89
    Alexand89 24 giugno 2016 16:21

    Secondo me neanche gli interessava dare coerenza sulla ricerca di Ciri, però alcuni dialoghi mi hanno fatto imbestialire passare da un geralt cazzuto ultraesperto e tra un po’ non sapere manco imporsi su questioni semplici, oppure vai dal barbiere ti fai bello senza barba apposta per Yennefer e lei tidice “vedo che ti sei fatto crescere la barba, stai bene” bastava poco mettere un dialogo alternativo visto che si trattava di quest principale.

    • Claudio Cugliandro
      Claudio Cugliandro 27 giugno 2016 09:04

      Ciao Alex!
      Non penso non gli interessasse rendere la ricerca di Ciri credibile, sanno a che pubblico si riferiscono. Semplicemente hanno dovuto scegliere il compromesso.

  2. aku77
    aku77 25 giugno 2016 22:07

    Questa analisi è praticamente perfetta. Trovo solo riduttivo l’uso del termine “GIF” affibbiato ad un capolavoro come The Witcher III, non so, mi suona terribilmente strano. Probabilmente TW3 è uno dei più grandiosi videogiochi mai fatti, anche se diversi passaggi della disamina fanno riflettere. E’ pur vero che il bambino che canzona l’Imperatore alla terza o quarta passata a Bianco Frutteto, fa scattare un sorriso…ma è anche vero che solo averlo inserito già stacca l’opera rispetto agli pg impalati di Dragon Age, oppure ai ridicoli ometti di Elder Scrolls, fissi ed innaturali. Non bisogna dimenticare che lo sforzo di rendere un ambiente vivo e vegeto resta a dir poco encomiabile. Ricordo in TW2 che i bambini giocavano persino a quadrello, antico gioco a tappe medioevale, ma in questo si sono a dir poco superati. A me non è mai capitato di rasarmi o interrompere il flusso del gioco, non mi è mai accaduto di sospendere l’incredulità che avevo dinnanzi…ma avrei spiegato meglio ai giocatori come andava giocato TW3, illustrando meglio il sistema dei punti esperienza, il sistema “storia” e “dialoghi”.

    • Claudio Cugliandro
      Claudio Cugliandro 27 giugno 2016 09:06

      Ciao Aku!
      Intanto, grazie per i complimenti.
      Per il resto, concordo con te, sicuramente siamo varie spanne sopra gli NPC degli altri competitori gdr, senza dubbio, anche il dinamismo dei mondi di Fallout rimane per me difficilmente superabile persino da Rockstar.

    Pingback: Narrativa implicita e l'istinto di narrare - Parte 3 - Deeplay.it

    Pingback: MARKETING – IL CASO EVOLVE - Deeplay.it

    Pingback: Watch_Dogs - il peso delle idee - Deeplay.it

  3. Mark Ermine 3 novembre 2016 17:11

    Ottime riflessioni. Mi sono sempre chiesto per quale ragione questo gioco suscitasse in me giudizi ambivalenti. Impossibile non riconoscerne l’esorbitante valore qualitativo e quantitativo: ma allora perché mi annoia in quel modo? Perché procedo con inerzia e senza eccitazione e trasporto? Sarà perché come Uncharted, altro “intoccabile” in un diverso genere, mette in scena personaggi così “classici” (Geralt e Nathan sono da fumetto Bonelli)? O forse proprio perché quando il contesto é di così alto livello iniziano ad apparire atonate cose che in un titolo medio daresti per scontate? La scrittura. I videogiochi hanno ormai livelli produttivi tali che una scrittura piatta e sindacale (quando va bene) non puó piú essere accettata. Perché il medium sta rimanendo così indietro nella qualità di dialoghi e soggetti rispetto alla piú banale serie tv?

    • Claudio Cugliandro
      Claudio Cugliandro 3 novembre 2016 23:14

      La mia teoria è che il videogioco non ha avuto il tempo di respirare come arte, a causa della globalizzazione.
      Ciò ha portato oggi, però, all’esplosione dell’indie: se cerchi maturità, complessità e idee interessanti, è quello il segmento del mercato a cui fare rfierimento. Sempre tenendo conto però che ogni Tripla A potebbe sorprendere.

      Grazie per i complimenti, e ti quoto sulla piattezza di certe saghe considerate “stellari”.

    Pingback: Warren Spector — Un altro falso mito della narrazione: gira tutto intorno alla scelta - Deeplay.it

    Pingback: L’effetto MTV nel mondo Videoludico - Deeplay.it

    Pingback: Assassin’s Creed: temi, cambiamenti, evoluzioni — Pt. 2 - Deeplay.it

    Pingback: Far Cry 4 - Ogni secondo è una storia - Deeplay.it

    Pingback: Final Fantasy XV - Dieci anni dopo, col senno di poi...

    Pingback: Corso d’apnea, lezione 2 – E gioco il mondo da un oblò - Deeplay.it

    Pingback: The Witcher 3 - Blood & Wine e Hearts of Stone - Deeplay.it

    Pingback: L'HUD: uno strumento per distinguere gioco ed esperienza

Post a Comment